Ristorante Pizzeria Il Barbagianni Via Brianza 21 Imbersago Località Sabbione Tel: 039.9921410

Il ponte San Michele, noto anche come Ponte di Paderno è un ponte ad arco in ferro, che collega i paesi di Paderno e Calusco attraversando una gola del fiume Adda.
Progettato dall'ingegnere svizzero Jules Ròthlisberg e realizzato dalla Società Nazionale Officine di Savigliano, è lungo 266 metri, e si
eleva a 85 metri al di sopra del livello del fiume.
E' formato da un'unica campata in travi di ferro da 150 metri di corda, ed è costituita da due archi parabolici simmetrici e affiancati, leggermente inclinati tra loro.
I plinti e i contrafforti di sostegno sono costituiti da oltre 5.000 metri cubi di pietra di Moltrasio e 1.200 metri cubi di granito di Baveno.
La struttura è interamente chiodata e non fa uso di saldature.
La rilevanza del ponte San Michele, dal punto di vista storico è paragonabile a quella della costruzione della Torre Eiffel, eretta esattamente negli stessi anni e con le stesse tecnologie,Entrambe le strutture divennero il simbolo del trionfo industriale per i rispettivi paesi.
Al ponte èlegata una leggenda, secondo cui il progettista Rothlisberg si sarebbe suicidato prima del collaudo per timore di un fallimento:
in realtà Rothlisberg morì di polmonite il 25 luglio 1911 nella sua casa di Chaumot.

Il traghetto di Leonardo
Il traghetto che attraversa l'Adda e collega le sponde di Villa d'Adda e Imbersago ha una lunga storia, non si sa con precisione se il suo inventore sia il grande Leonardo da Vinci. E' certo però che il genio fiorentino studiò il corso del fiume per diversi anni, e che disegnò il traghetto, identico a quello attuale. Tale disegno, datato 1513, è presente nel codice di Windsor, conservato nella biblioteca reale dell'omonimo castello in Inghilterra.
In occasione di questo incarico, Leonardo ebbe la possibilità di vedere e studiare le sponde del nostro fiume. Questi paesaggi di ripe scoscese, acque,e vegetazioni si sono voluti identificare nello sfondo di molte sue opere, come " La Vergine delle Rocce " o addirittura "La Gioconda".
Il primo modello del traghetto risale comunque a prima del cinquecento.
Con il suo lento, silenzioso ed ecologico solcare le acque dell'Adda, il traghetto ci riporta a momenti antichi, in questo bellissimo angolo della Lombardia, circondato dai monti di manzoniana memoria.
Su questo traghetto, all'epoca della sua fanciullezza, è tante volte transitato Angelo Giuseppe Roncalli, papa Giovanni XXIII, in occasione dei suoi pellegrinaggi a piedi da Sotto il Monte al santuario della Madonna del Bosco, situato in comune di Imbersago proprio di fronte a Villa d'Adda.

Il Santuario della Madonna del Bosco, o della Madonna del riccio, come anticamente si chiamava per uno dei suoi primi segni avuti, ossia la maturazione delle castagne nel mese di maggio, ( fatto che avvenne il 9 maggio 1617 ), ma già dal 1615 si diceva che proprio sulla cima di tre maestosi castagni appariva un essere misterioso, come una grande signora in mezzo a luci e splendori celestiali con armoniose melodie mai udite.
Da allora iniziarono i pellegrinaggi degli abitanti della zona alla "Valletta del Lupo", così si chiamava il luogo.
La devozione della gente brianzola fece erigere sul luogo dell'apparizione una piccola cappella, " lo Scurolo "arricchita da un pregevole affresco del Barabino, di grande valore artistico ed ancora oggi ben conservato.
Dopo aver innalzato la cappelletta si rese necessaria la costruzione di un tempio nel bosco, che con molte difficoltà venne benedetto il 9 maggio del 1646. Il 29 agosto 1954 il Patriarca di Venezia Card. Angelo Roncalli,( futuro papa Giovanni XXXIII ), incoronava il simulacro della Vergine e del Bambino. Papa Giovanni XXXIII ha dichiarato più volte la sua devozione alla Madonna del Bosco.
Chi sale la Scala Santa, 349 gradini, vede stagliarsi tra il verde intenso la maestosa statua in bronzo (Alta 4 metri e del peso di 30 quintali)
dello stesso Pontefice.
Anche il Beato Cardinal Schuster, arcivescovo di Milano, era particolarmente devoto alla Madonna del Bosco, dove è ancora custodita la sua camera, alcuni abiti e suppellettili, ammirati con devozione da migliaia di fedeli ogni anno.
Le principali feste sono: il 9 maggio, cioè la festa dell'apparizione e la domenica successiva ( Seconda festa dell'apparizione ).